09/01/17

COME SCEGLIERE E APPENDERE LE IMMAGINI

Il tema delle immagini in casa è un argomento che desta sempre grande interesse nelle persone quando si parla di decorare e abbellire le pareti e con immagini intendiamo foto, quadri, simbologia, stampe, stickers, canvas, arazzi e tessuti dotati di cornice o meno e qualsiasi altra rappresentazione artistica ecc..
E' comprensibile: le immagini, le foto, i quadri, i simboli ecc.. sono tutti elementi che parlano di chi siamo, dei nostri gusti, delle nostre preferenze e attraverso i quali riusciamo a “portare fuori” la nostra personalità, l'essenza più profonda di noi.
Da sempre l'arte e i colori, così come la musica e le altre discipline creative contattano la nostra parte più analogica, più corporea ed istintiva, lasciando da parte la ragione e la mente.
Le rappresentazioni artistiche sono in grado di suscitare “a pelle” una sensazione nel nostro corpo, piacevole o meno che sia, la visione di un'immagine evoca emozioni e percezioni che arrivano dritto in pancia, senza passare dalla mente pensante.

ARCHITETTURA OLISTICA & IMMAGINI
Per questo l'Architettura del Benessere consiglia con attenzione la tipologia di immagini (anche simbolica) che è bene appendere in casa (nel rispetto del gusto del cliente ovviamente), proprio per creare nell'ambiente vissuto quotidianamente, un'interazione visiva bella, positiva e gradevole che permetta alla persona di sentire sensazioni piacevoli e che rafforzino la percezione di sicurezza e comfort.
Immagini che siano in grado di evocare fiducia verso il futuro, in noi stessi e nella vita.
Immagini che siano in grado di suscitare ad ogni sguardo, l'evocazione di un percorso evolutivo personale positivo, accettato e sereno.
Se l'ambiente di casa ci fa sentire sicuri, protetti, difesi e “comodi”, la qualità di vita potrà migliorare, ci si sentirà più fiduciosi, entusiasti  e flessibili, più propensi a cogliere le opportunità future, influendo sul benessere generale di mente – corpo – spirito.

STUDIARE LA COMPOSIZIONE
Se la scelta della tipologia di immagini non è lasciata al caso, anche la scelta di dove collocarle e come appenderle va ben studiata e progettata.
Grazie alla valutazione Feng Shui della situazione abitativa (e anche lavorativa) si individuano pareti più “importanti”, che occorre valorizzare con immagini più precise, simboliche e cariche di significato rispetto ad altre.
Una composizione di immagini ben studiata a priori, come ogni momento progettuale, diventa un aiuto concreto, per beneficiare di diversi vantaggi, estetici soprattutto, tra i quali:
- la corretta proporzione tra la grandezza delle immagini e dei supporti (tipologia di cornici) per appenderle
- la corretta valorizzazione di un'immagine tenendo conto della struttura e dello sviluppo dei muri di casa
- la disposizione armoniosa delle immagini a parete, che deve suscitare una sensazione di ordine, equilibrio, ricercatezza ed armonia, senza che l'occhio debba disperdersi nella continua visione causale dei quadri, aumentando la percezione di confusione e caos distributivo.

Troppi quadri, diversi tra loro per soggetto, supporto e dimensione

Supporto, dimensione e soggetto omogeneo

 



















QUALE PARETE SCELGO?
Quali sono le pareti migliori da valorizzare con le immagini? La risposta non è univoca, dipende da com'è lo sviluppo planimetrico dell'abitazione, da come si aprono certe porte piuttosto che altre e dove viene incanalata la nostra attenzione nei percorsi interni.
Di certo, ci sono alcuni ambienti, comuni un po' in tutte le case, che ben si prestano per collocare le immagini:
  • l'ingresso
  • la zona living
  • i disimpegni
  • i corridoi
  • le scale
  • la parete della testata del divano
  • la parete della testata del letto


COME PROCEDERE
Individuata la parete da abbellire, si procede col valutare:
  • La grandezza delle immagini
  • La proporzione con la parete
Gli ambienti grandi, sia in ampiezza che/o in altezza, permettono più opzioni: è possibile sia installare a parete un numero di immagini maggiore, in varie composizioni, sia appendere solo qualche immagine grande e importante, in grado di valorizzare un'unica parete in quanto la spaziosità e l'ariosità dei locali riescono a contenere la percezione visiva del suo volume e si sente che il "vuoto" del grande ambiente è ben compensato dalla presenza di un quadro importante.
Negli ambienti più piccoli (sia per mq che in altezza) una scelta del genere genererebbe una sensazione di incombenza e oppressione, per questo nei locali più ristretti è bene optare per soluzioni di leggerezza, scegliendo immagini dalle dimensioni più contenute, dai soggetti più stilizzati e dai supporti più semplici.


  • Il numero delle immagini da appendere
Il numero delle immagini dipende sempre dalla grandezza e ampiezza della parete e dell'ambiente nel quale stiamo lavorando. E' comunque sempre preferibile mettere poche immagini e belle, in modo che lo sguardo non debba “correre” nel muro per assicurarsi di vederle tutte, ma abbia il tempo di apprezzarne l'estetica concentrandosi su pochi pezzi.
E' bene preferire il vuoto al pieno, evitare di riempire troppo le pareti di casa, ma lasciare sempre la sensazione di ariosità e spaziosità degli ambienti.
Una sola immagine
Più immagini ben proporzionate



















  • Il tipo di supporto che si preferisce utilizzare
Un tipo di cornice rispetto ad un altro fa la differenza, a parità di parete prescelta, una cornice importante, dorata e di un certo spessore ha un impatto visivo ed emotivo diverso dal vedere lo stesso soggetto incorniciato con una cornice semplice, poco spessorata e magari bianca o nera o colorata.
Nei primi secondi in cui si entra in un ambiente e si vede un quadro con una cornice importante, sentiamo e sappiamo già che ci troveremo davanti una rappresentazione artistica di un certo “peso” e non solo di tipo materiale, ma anche evocativo, con la quale si sottolinea la preziosità, la storia ecc..!!
Le ultime tendenze decorative lasciano spazio anche alla fantasia e all'inventiva, per cui è possibile anche appoggiare l'immagine a parete con l'utilizzo di una mensola o di supporti a sospensione, come se l'immagine potesse galleggiare sospesa nell'aria o ancora supporti DIY (fatti in casa con materiali di riciclo, come assi di legno, scalette ecc..)
In altri casi è possibile appoggiare l'immagine direttamente a terra, se il quadro ha dimensioni che lo permettono.
Ogni tipologia di supporto deve essere comunuqe coerente con lo stile di casa.
 
Idee Decor
Supporto a sospensione


















     
  • Il tipo di soggetto
Immagini chiare, scure, stilizzate, piene, d'autore, paesaggi, scritte . . .sono tutte scelte che devono essere valutate anche in relazione al gusto della persona, tenendo a mente che ogni immagine evoca particolari emozioni e sensazioni e in casa, l'Architettura del Benessere vuole apportare sensazioni positive e sicure.
Alcune pareti (come quella della testata del letto o del divano) richiedono immagini che evochino la sensazione di solidità, protezione, robustezza, forza, sostegno, appoggio e tutto ciò che indica l'idea di un abbraccio potente sicuro e stabile.
Altre pareti non richiedono questo tipo di intervento più mirato.
Lo stile del soggetto sarà in linea anche con lo stile della casa e con la stanza in cui deve essere collocato, a meno che, non si voglia volutamente creare un dettaglio che catturi l'attenzione con uno stile differenziato.
E' bene raggruppare tutte le immagini che hanno la stessa tipologia di soggetto, evitando di fare mescolanze tra soggetti di tipo diverso.
In alternativa, se si tratta di immagini astratte, è possibile raggrupparle per somiglianza cromatica.
Le scritte, che siano fatte a mano o stickers, devono essere protagoniste uniche della parete a cui sono destinate, per permettere di cogliere il significato di quanto evocato dalla frase.


Immagine simbolica
Scritta Adesiva


  • La tipologia della composizione
Scelta la stanza, scelta la parete, scelto il soggetto, si sceglie la composizione. Da valutare se lasciare una sola immagine nella parete o se metterle in linea o raggrupparle. Da evitare la composizione “sfusa e confusa” e scegliere sempre la regola secondo la quale, quando si dispongono più immagini assieme, occorre ricreare una figura geometrica regolare di base, nella quale farle rientrare.
In questo modo l'occhio percepisce la numerosità delle immagini e il colore dei loro supporti, ma allo stesso tempo non entra in confusione perché riconosce che le stesse creano una forma regolare che si ritiene sicura (quadrato, rettangolo, cerchio).
Anche il vano scala si presta per una composizione che segue l'andamento della scala oppure per valorizzare solo la parete del pianerottolo.
I corridoi meritano una valutazione specifica per la colloazione a muro delle immagini. Infatti, occorre verificare sul posto la percezione della sua lunghezza, infatti se il corridoio è molto lungo, disporre molte immagini lungo le pareti, rischia di far accentuare la longitudinalità dello spazio e se il corridoio fosse troppo stretto, troppi quadri alle paretei accentua la sensazione di compressione laterale.
Sono due tipologie di sensazioni che, in casa, si deve evitare, per questo i corridoio vanno ben studiati e decorati creando delle "pause nello spazio" anche con altre modalità.

Composizione per Scale

Tipologie di composizioni



















  • L'illuminazione 
Ultimo punto ma ugualmente importante, se e come illuminare le immagini.
In genere grandi quadri, in grandi ambienti e su grandi pareti richiedono anche un punto luce dedicato.
Lungo la parete delle scale o nell'ingresso o nei disimpegni, si può unire il bello al dilettevole, progettando decorazioni a pareti e luci assieme (verificando la fattibilità dell' impianto ovviamente).
I dettagli illuminotecnici per le immagini si verificano direttamente sul posto in relazione al tipo di impianto, al tipo di luce naturale che riceve la stanza in cui collocare le immagini.
Faretto classico

Lampada moderna dedicata

PER CONCLUDERE

Le pareti vuote sono irresistibili ed è giusto valorizzarle al meglio, sfruttando i colori, le forme, i materiali più adeguati ai vostri interni, al vostro stile e soprattutto alla vostra personalità.
Le pareti bianche da decorare sono occasioni imperdibili per comunicare qualcosa di noi, non solo a noi stessi, ma  anche a tutti coloro che entreranno in casa.
Capita di frequente che la scelta dell'arredo viene fatta partendo proprio da un'immagine decorativa a cui si è affezionati e che si vuole appendere in casa e che detterà lo stile per l'intera abitazione.
E va bene così, se quella immagine è per noi fonte di ricordi, sensazioni piacevoli e ricordi positivi.
Ecco altri esempi:
 
Un solo quadro

Foto con supporto a sospensione

Canvas monocromatici che ricreano una forma regolare
Stili di Composizioni

Stili di Composizione per Scala





















La casa siamo noi e ogni parete è un foglio bianco in cui lasciare un'impronta della nostra vita.
Buon divertimento!
:-)

Le foto sono tratte liberamente dal web.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...