22/09/14

ORDINE IN CASA, SPAZIO E TEMPO PER LA VITA


INTRODUZIONE

E' vero, chi mi conosce lo sa, io amo l'ordine un po' in tutte le cose, senza esserne una fanatica (con un bimbo, un biker e una gatta in casa è impossibile che sia sempre tutto a posto), e per me non significa che una casa ordinata sia poco vissuta o sia una vetrina intoccabile, anzi proprio il contrario, dove c'è ordine, c'è spazio affinché nuove idee creative possano prendere vita, altrimenti la nostra mente sarebbe sempre impegnata a ripassare la “to do list”  per tutte le cose da sistemare e organizzare, prima di dedicarsi a ciò che davvero ci piace!
E poi dove c'è ordine . . . c'è armonia e quindi voglia di convivialità e di condividere  emozioni e chiacchiere e soprattutto portare ordine a volte stimola nuove idee colorate, simpatiche e a volte ingegnose per far si che tenere tutto a posto diventi una buon abitudine e non un faticoso lavoro!! :-)
La prima tecnica per armonizzare un ambiente si basa proprio su questa massima: tenere in ordine è piu facile che riordinare!! e grazie a scatole, cesti, mensole, ripiani, scaffali e librerie con vani aperti e chiusi ritrovare l'ordine può essere un gioco da ragazzi! Piccoli spazi possono diventare delle utility room con grandi potenzialità per stivare, impilare, raccogliere e accatastare anche in pochi minuti tutto ciò che è fuori posto e se si utilizzano anche adesivi ed etichette, anche la nostra famiglia, bambini soprattutto, diventeranno esperti dell'ordine!!
Ogni cosa al suo posto e c'è un posto per ogni cosa, questo è il mio motto . .si ma come si fa? Serve:
  • Un piano di battaglia: se la situazione vi sta sfuggendo di mano e vi accorgete di fare lo slalom tra pile di libri, panni lasciati un pò ovunque e accatastati accanto al comò o sopra una sedia in cucina in attesa di sistemarli (e sapete già che arriverà un attacco di rimandite :-), allora è arrivato il vostro momento.

  •  Coraggio: per disfarsi di cose che sappiamo bene di non usare mai, ma che teniamo lì perché non si sa mai! ! ! ! L'accumulo di materiale rischia di ingolfarci anche emotivamente, lasciare andare qualcosa che non usate o non indossate da anni, vi renderà LIBERI e sarà incredibile la sensazione di libertà che sentirete, intanto lo sappiamo bene, si tratta di oggetti che teniamo lì solo per non sentirci in colpa o perché sotto le mentite parole “non si sa mai” vogliamo associare ad un legame affettivo vissuto un bene materiale, . . . è ora di dire basta . . .  e mentre da una parte l'emozione legata ai ricordi di quell'oggetto rimarrà con voi nel vostro cuore, dall'altra parte avrete uno spazio fisico da poter gestire con nuove idee, cm preziosi da sfruttare per mettere a posto ciò che davvero vicirconda quotidianamente.
  • Scatoloni: con le etichette “Da tenere davvero”, “Da regalare” e “Da buttare” .


  • Carta e penna: disegnate una grande tabella con l'indicazione della stanza da cui partire, le funzioni che si svolgono in quella stanza, le necessità di quella stanza, gli accessori/complementi/oggetti di base che servono per quella stanza, le idee creative per risolvere dilemmi organizzativi e i giorni per suddividere il lavoro di riordino, perché non sia un'operazione veloce, lasciata alla fretta, visto che presto e bene non vanno a braccetto assieme. L'intervento di riordino va gustato con calma e stare qualche giorno nel caos per poi ritrovare l'ordine finale vi darà grande soddisfazione del lavoro svolto, mentre fare tutto di fretta si lascerà la sensazione di aver tralasciato qualcosa (e molto probabilmente sarà così). 
  •  Mettersi all'opera: foularino in testa, grembiulino fashion e con un po' di musica che non guasta mai in queste occasioni! E alla fine scrivere alcune regoline da mantenere affinché l'ordine diventi una buona abitudine. 

E poi arriva la parte più bella . . sull'onda dell'entusiasmo per questo nuovo senso di leggerezza, si delinea all'orizzonte la possibilità di comprare un pò di arredo (con tanto di accessori) che possa risolvere due funzioni: praticità e funzionalità, senza perdere di vista lo stile e la personalità.

Ogni stanza ha le sue esigenze, un post alla volta vorrei condividere con voi le modalità con cui affrontare il riordino e dato che ci sono tante aziende che producono bellissimi e utilissimi arredi contenitivi, credo proprio che ci divertiremo e mettere in ordine diventerà un piacere!

Vi aspetto alla prossima uscita della serie ORDINE IN CASA.... BUONUMORE NELLA VITA!!
:-)

15/09/14

SEPARATI . . .IN CASA



E’ vero il titolo del post è un pochino ambiguo . .  a seconda poi di dove cade l’accento. :-) Si tratta in effetti di una provocazione per parlare di come dividere, in un unico grande spazio di casa, le varie funzioni che si possono svolgere nello stesso ambiente.

Spesso ci si trova ad affrontare la “separazione” soprattutto nella zona giorno, sia per dare lo spazio giusto alla cucina - zona pranzo, sia per evidenziare il living con la zona conversazione, e ancora per delimitare meglio la zona dell’ingresso.

In genere ogni ambiente parla di sé, per questo è facile capire quale tipo di intervento sia più adeguato utilizzare per inquadrare la funzione nello spazio:

  • Divisori ad hoc free standing o agganciati al muro (anche di tipo decorativo, con idee di riuso-riciclo e DIY). 
  • Quinte in cartongesso o in muratura (con pannelli scorrevoli o meno). 
  • Arredo di grandi dimensioni che si presta a delimitare un’area specifica, come banconi snack, tavoli, divani, librerie bifacciali o meno ecc.. 
  • Tappeti, rivestimenti, colori alle pareti, schemi di luci funzionali che delimitano le funzioni come una segnaletica orizzontale. :-)
La scelta tra queste opzioni dipenderà da diversi fattori: 
  • Dalle dimensioni e forma della stanza. 
  • Dalla posizione delle porte e delle finestre. 
  • Dalla luce naturale che riceve. 
  • Dagli elementi architettonici presenti, che potrebbero già da soli valorizzare un’area piuttosto che un’altra. 
  • Dalle esigenze e dallo stile di vita di chi vive la casa, se c'è necessità anche di avere delle aree contenitive o semplicemente si punta alle idee decor! 
Se la scelta fai-da-te risulta ardua è bene rivolgersi ad un progettista d'interni che saprà esattamente intervenire nello spazio ottimizzandone la fruizione e lasciando anche margini per le idee décor o un intervento di re-looking dell'ambiente.

Le foto sono tratte da Pinterest.
www.pinterest.com/Archibenessere/decorating-ideas

















06/09/14

IL BALCONCINO

E’ vero, forse di balconcini da allestire sarebbe stato meglio parlarne all’inizio dell’estate (ma quando mai è arrivata quest'anno??!!) . . . uno spazio outdoor da vivere come prolungamento del layout interno è bene arredarlo in vista della bella stagione . . .e non quando la stessa sta volgendo al termine, anche se settembre è un mese che può regalare ancora giornate calde e belle.

L’idea e l’ispirazione mi è stata data da una mia amica che da poco più di un anno vive da sola, lavoratrice instancabile e appassionata del mare (e di molte altre cose) . . cosa c’entra tutto questo? Un passo alla volta. 
Un anno fa la mia cara amica decide di andare vivere da sola, dopo alcune ricerche trova la sua casa, la riconosce “a pelle”, per i primi mesi l’arredo già esistente se lo fa andare bene . . visto che il trasloco e il rodaggio nella casa nuova sono di per sé già un grande cambiamento.

Dopo qualche tempo mi chiama e mi chiede di darle una mano per apportare qualche modifica e dare un po’ di stile secondo il suo gusto . . . anche per il balconcino! Ottima idea! 
Si, ma da settembre, visto che d’estate fa troppo caldo e preferisce andare al mare e a volte con il lavoro torna a casa tardi e non riesce a sfruttarlo! 
In fondo non è forse un gran peccato, anzi forse è un’idea lungimirante visto che: 
A settembre le giornate sono ancora piene di sole, tiepide, belle e senza l’effetto “calura" o almeno speriamo, visto la prima settimana non proprio soleggiata!! anzi!!
o A settembre ci sono i SALDI sugli accessori da esterni
           
Come allestire un balconcino in modo che  Stile + Funzionalità= Personalità? 
Gli elementi indispensabili, che possono variare nelle dimensioni e nelle quantità a seconda della grandezza dello spazio esterno disponibile, sono:
§  Sedie
§  Poltrone
§  Salottini
§  Tappeti, cuscini e tendaggi
§  Tavoli e tavolini
§  Ombrelloni e tende tecniche
§  Vasi e piante decorative
§  Complementi d'arredo per esterni
§  Grigliati legno
§  Lanterne, luci e candele

 A seconda dello spazio disponibile si potrà ricorrere ad un arredo piuttosto che un altro, in effetti la metratura di un porticato, una loggia, un balconcino, una terrazza, un patio ecc. . . fa la differenza per scegliere la quantità e la dimensione dell’arredamento per esterno, ma lo stile è sempre dettato dal nostro gusto e dalla nostra personalità. 

I materiali piu gettonati sono le fibre naturali o sintetiche, alluminio per evitare la ruggine con l'esposizone esterna alle piogge ecc..  e legno.

      I dettagli fanno la differenza.

Le foto sono tratte da Pinterest, www.pinterest.com/archibenessere/outdoor








Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...